Negozi Storici, Circolone: «Da 114 anni luogo di incontro per Legnano»

Per 114 anni è stato un luogo d’incontro per la città del Carroccio e continua ad esserlo: con la consegna degli attestati di martedì 13 novembre, il Circolo Fratellanza e Pace di via San Bernardino è stato riconosciuto “Negozio Storico” da Regione Lombardia. E non si può dire che di storia non ne sia passata tra le vecchie mura del “Circolone”.

Basti pensare che i più grandi cabarettisti del panorama italiano, da Albanese a Bisio, sono passati dal locale legnanese, che ancora oggi ospita serate di cabaret, poesia e musica. Il palco, cuore vibrante del Circolone, è stato calcato dai Negramaro,  quando ancora nessuno li conosceva, dai Finley,cresciuti nella cantina di via San Bernardino, e da tutto il punk riconosciuto italiano, come i Persiana Jones, i Tre Allegri Ragazzi Morti, le PornoRiviste e i Punkreas. «Il Circolone è un luogo d’incontro che mi piace definire un laboratorio di creatività ed espressione. I circoli  – spiega il presidente della cooperativa, Vittoriano Ferioli – nelle loro dimensioni non possono che essere uno strumento per dare spazio a tutto questo».

Ma non sono solo l’arte e la cultura a contraddistinguere questo “luogo di cittadini, fatto dai cittadini”: «La nostra – prosegue Ferioli – è una storia che si tramanda di generazione in generazione e che stiamo portando avanti dopo oltre 100 anni. Qui non c’è un padrone: il Circolo è una cooperativa di liberi cittadini attivi che chiedono ad altri cittadini di amministrarlo. Adesso i soci sono 300 e questo riconoscimento è anche per loro».

Una storia, quella dei Circoli, che affonda le sue radici all’inizio del ‘900: «Allora era normale mettere insieme risparmi e capacità per costruire luoghi di aggregazione –spiega il presidente -.  Nel 1938 a Legnano c’erano 22 circoli, luoghi pensati come bar con locali che potevano servire anche per altro: in quel periodo le scuole per adulti erano una realtà e la formazione si faceva anche nei circoli. Insomma, non c’era solo mescita di vino». Oggi a Legnano i circoli rimasti sono tre e uno degli obiettivi di Vittoriano Ferioli, come coordinatore del dipartimento Circoli Cooperativi di Lega Coop Lombardia, è proprio quello di «far ri-germogliare questa natura differente del circolo sul territorio, che deve sapersi confrontare col mercato ma anche offrire un punto di incontro». 

E questo il Circolone continua a farlo attraverso iniziative culturali e ricreative, anche se l’energia e la passione si devono scontrare con «le normative che imbrigliano questa energia»Il locale è stato costretto a limitare l’attività musicale per via dell’ordinanza che impone lo stop dei live alle 22: un “bavaglio” che ha comportato perdite “pesanti” sia in termini economici che di pubblico, in un momento in cui il panorama musicale sta fortemente cambiando: «Abbiamo avuto un incontro con il sindaco, vedremo se l’ordinanza sarà revocata – conclude Ferioli –. Nel frattempo anche i gusti del pubblico sono cambiati, non c’è equilibrio tra la domanda e l’offerta. Per questo ci siamo dovuti orientare verso una programmazione più semplice».

[Valeria Arini]

giovedì 15 novembre 2018 – Legnano News

20181114_095836
0 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *